GIAPPONE Dai Samurai a Mazinga

Hiroshige 1 bdGiapponen.11_Armatura_Samurai_periodo_Edo_XVIII secolo_bassa_ris bdn.9_MAZINGER_Z_Giappone_1973_plastica_vinile_bassa_ris bd

Dai Samurai a Mazinga

 

A Treviso nella sede della Casa Dei Carraresi si è aperta la mostra “Giappone. Dai Samurai a Mazinga”, aperta fino al 22 febbraio a cura di Adriano Madaro e Francesco Morena.

Dal 1868, il Giappone sviluppò una cultura del tutto originale, dovuta alle contaminazioni con l’esterno che seppero fondersi con lo spirito più misterioso di questo popolo, in un connubio di rara eleganza e straordinaria raffinatezza. In questo armonico contrasto – quasi un paradosso – risiede l’aspetto più interessante della cultura giapponese, creata da un popolo che diede i natali ai più feroci guerrieri –

i Samurai – , e alle più delicate e raffinate figure femminili – le Geishe -; che seppe aspirare alla perfezione nel compiere ritualmente un unico gesto immutabile di secolo in secolo – la Cultura del Tè -, e perfezionato la propria tecnologia elevandosi ad esempio insuperato per tutto il mondo – i Robot -.

 WP_20141010_12_25_27_ProWP_20141010_12_19_01_ProWP_20141010_12_25_09_Pro

Sezione dedicata ai Samurai

 

 Il  Samurai  figura del guerriero detto anche buschi – ha avuto nella storia del Giappone il ruolo di protagonista assoluto.

Tra l’equipaggiamento dei samurai la spada era l’oggetto più importante nel quale si incarnava la sacralità di questa figura ormai mitologica. La spada giapponese è l’arma perfetta letale eppure bellissima, forgiata nell’acciaio più puro da Maestri venerati quali demiurghi della guerra. In mostra sono esposte una ventina di armature complete, corredate da elmi; due spade accompagnate da else di altre spade appartenute a famosi guerrieri e suddivise in clan, e alcune maschere da

combattimento.

 

Sezione dedicata al Teatro

WP_20141010_12_36_45_Pro

Il Nð è la più sofisticata forma di teatro giapponese. Fortemente imbevuto dei principi del Buddismo Zen, fu messo a punto tra il XIV e il XV secolo rielaborando tipologie di teatro più antiche e beneficiando della protezione dello shðngun e dell’aristocrazia militare. I drammi – messi in scena da soli attori maschi che impersonano anche i ruoli femminili – hanno WP_20141010_12_33_57_Procome trame storie di divinità, di battaglie, di spiriti vendicativi; il palcoscenico è sobrio, e la recitazione è una miscela di danza e canto con ritmi cadenzati e movimenti lenti e iconici. I costumi sono lussuosi e raffinatissimi. Il più importante strumento a disposizione dell’attore di teatro Nð, quasi oggetto di  venerazione, è la maschera (men). Ne esistono numerose tipologie, tante quanti i ruoli che formano il repertorio tradizionale. Realizzate da intagliatori specializzati, hanno la capacità di assorbire e di riflettere le variazioni della luce, catalizzando emozioni per WP_20141010_12_33_48_Prodivenire specchio di sentimenti e passioni, divine e terrene. In mostra sono esposte dieci preziose maschere tutte appartenenti al Teatro Nð.WP_20141010_12_25_33_Pro

 

Sezione dedicata a la “Via della scrittura””

 WP_20141010_12_29_52_Pro

In tutta l’Asia estremo-orientale, in Cina come in Corea e Giappone, scrivere non è solamente un mezzo per comunicare ma è un processo artistico, proprio come la pittura e la musica. Il sistema di scrittura giapponese combina caratteri cinesi con un alfabeto che si tramanda sia stato inventato da Kðbð Dashi (774-835), il monaco che diffuse nell’arcipelago i precetti del Buddismo esoterico. Il gesto del pennello che imbevuto di inchiostro precedentemente sciolto con acqua sulla pietra imprime il tratto sulla carta, non è che finale di un processo mentale complesso, che coinvolge studio, meditazione, preghiera, affinché il risultato sia armonico, ispirato, degno della trascendenza.

 

Sezione La Cerimonia del Te.

 n.8_Beltà_Femminile_Bambola_legno_metallo_metà_XIXsec_Univ_Studi_Padova_bassa_risbd

La Cerimonia del tè (Chanoy) è la quintessenza dell’estetica giapponese.

In mostra è ricostruita una antica Sala da Té con i suoi semplici arredi e tutti gli oggetti di rito.

 

Una sezione è dedicata allo Shunga, le immagini della primavera.

Le shunga (“immagini della Primavera”, intesa come rinascita) non si può descriverle in maniera diversa, sono immagini dall’esplicito contenuto erotico.WP_20141010_12_48_55_Pro

Tuttavia prima che erotiche o pornografiche che si voglia, le shunga sono opere notevoli della storia della grafica giapponese. Esse furono realizzate da artisti di prim’ordine dell’Ukiyo-e, le “immagini del Mondo Fluttuante”, da maestri della xilografia, come Hokusai e Utamaro, ai quali il mercato richiedeva, per svago degli

acquirenti, immagini di questo tipo.WP_20141010_12_48_28_Pro

In mostra sono esposte 34 shunga.

 

Ukiyo-e, le immagini del Mondo Fluttuante

 

L’Ukiyo-e, letteralmente le “immagini del Mondo Fluttuante”, è il genere artistico che meglio ha descritto una parte della società giapponese del periodo Edo (1603-1868). Le sue immagini raccontano la vita degli abitanti delle più importanti e popolose città di quei tempi, soprattutto Edo (l’attuale Tokyo), Kyoto e Osaka.Sumo 2WP_20141010_12_25_09_Pro

In mostra sono presentate opere di Hokusai, Utamaro, Eisen e di altri artisti tra il XVIII ed il XIX secolo.

 

Sezione Inrð  (scatoline), netsuke (fermagli), ojime (anellini): vezzi per uomini elegantoni

 

In questa sezione si possono ammirare tre Kimono (uno femminile, uno maschile e uno del teatro Nð), tre obi oltre a raffinati oggetti da toeletta, assieme ad una dozzina di bellissime lacche (scatole, portavivande, servizi da scrittura) e due preziosi strumenti musicali, i famosi samisen e Koto, fondamentali per la musica giapponese. Non vi sono n.5_Servizio_da_fumo_XIX_secolo  bdgioielli, perché le donne giapponesi, comprese quelle nobili e quelli appartenenti alla famiglia imperiale non indossavano alcun gioiello, ma ponevano particolare cura solo alla capigliatura.

 

Sezione : “dei piaceri effimeri nel Giappone del periodo Edo”.n.3_Kannon_Giappone_prima_metà_sec_XIV.png  bd

 

Nel periodo Edo ( o Takugawa, dal nome della famiglia cui appartennero gli shðgun –  comandanti dell’esercito, dittatori militari,

che governavano il paese in quel lasso di tempo) . Il Giappone scelse autonomamente di isolarsi dal resto del mondo: a tutti i giapponesi era fatto divieto di abbandonare l’arcipelago così come per gli stranieri era proibito l’ingresso; solo a

Nagasaki era concesso che risiedessero una comunità cinese e gli olandesi delle compagnie delle Indie Orientali. (VOC)

Il fenomeno sociale più importante di quell’epoca è stato sicuramente l’inedito sviluppo Castello di Miramare TD55182	leone in porcellana	h.45, l.45, p.20della città di Edo l’attuale Tokyo.

Con il declino economico dei militari, sorsero molte attività artigianali e mercantili che formarono una nuova borghesia, ricca e prosperosa. Le città pullulavano di attività ricreative per i nuovi facoltosi: teatri, arene di sumð e, soprattutto, le cosiddette Case Verdi, per attività licenziose. Il quartiere che le raccoglieva si chiamava Yoshiwara.

 

Dopo secoli di isolamento il Giappone conquista l’Occidente con la raffinatezza dei suoi gusti e la precisione tecnologica. Dagli antichi samurai ai futuristici super robot: si chiude un antico cerchio per diventare modello di modernità nella produzione di sofisticati giocattoli, molti dei quali visibili in mostra.

 

I raffinati maestri d’arte nipponica ispirano i grandi maestri della pittura europea, questo tema apre

“ La sezione del  Giapponismo, il Paese del Sol Levante ispira gli artisti”

 

Il Giapponismo è un fenomeno artistico che si è sviluppato tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento in Europa e negli Stati Uniti.

Gli artisti si resero subito conto di quanto nuova e diversa fosse l’arte giapponese e ne trassero ispirazione per realizzare opere d’arte di stile e gusto innovativo.

In mostra vi sono due stampe di Hiroshige che furono modello per Van Gogh, il quale le copiò a testimonianza del suo apprezzamento per l’arte giapponese. Accanto a queste opere vi sono anche le riproduzioni degli originali custoditi al Museo Van Gogh di Asterdam.Hiroshige 2  bd Van Gogh 1  bd n.2_ Scene_Romanzo_Principe_Splendente_periodo_Edo_XVII-XVIII secolo

 

Maria Paola Forlani

n.6 bd n.7  bd n.8_Beltà_Femminile_Bambola_legno_metallo_metà_XIXsec_Univ_Studi_Padova_bassa_risbd n.9_MAZINGER_Z_Giappone_1973_plastica_vinile_bassa_ris bd n.11_Armatura_Samurai_periodo_Edo_XVIII secolo_bassa_ris bd SUMO 1 bd Sumo 2 WP_20141010_12_18_28_Pro WP_20141010_12_18_37_Pro WP_20141010_12_19_01_Pro WP_20141010_12_19_10_Pro WP_20141010_12_25_09_Pro WP_20141010_12_25_27_Pro WP_20141010_12_25_33_Pro WP_20141010_12_29_52_Pro WP_20141010_12_32_56_Pro WP_20141010_12_33_03_Pro WP_20141010_12_33_48_Pro WP_20141010_12_33_57_Pro WP_20141010_12_36_45_Pro WP_20141010_12_48_28_Pro WP_20141010_12_59_28_Pro WP_20141010_12_48_55_Pro WP_20141010_12_48_43_Pro WP_20141010_12_48_08_Pro

 

 

GIAPPONE Dai Samurai a Mazingaultima modifica: 2014-10-18T17:49:06+00:00da mariapaolaf
Reposta per primo quest’articolo